Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

profilo professionale23 anni fa. Molti che leggeranno queste righe non erano nemmeno nati. 

Oggi mentre lottiamo per competenze avanzate e specialistiche, prescrizione infermieristica, infermiere di famiglia e di comunità....

Mentre urliamo rabbia e sofferenza per i contratti fermi, per il demansionamento, perchè non siamo capiti dagi assistiti, perchè non ci facciamo capire, perchè la politica e l'ipasvi e i sindacati e i medici e i giornalisti e le badanti e gli abusivi e i dirigenti e i coordinatori e l'università e gli studenti forza lavoro.....

Mentre parliamo di tutto questo, e facciamo bene a parlarne, parliamo di una casa complessa, quasi come un incubo di Escher,  dove litighiamo e ci affaniamo sulle porte, le scale, le colonne, le pareti, gli arredi.

Poi piove e alziamo lo sguardo e ci accorgiamo che il tetto non c'è. O se c'è è ora pieno di buchi e non protegge dalle intemperie niente di quello che faticosamente abbiamo inserito dentro la nostra casa.

Il tetto è il nostro profilo professionale. E a volte manca. A volte è rotto. A volte è bello solido che l'Italia è lunga e variegata.  A volte, se noi fossimo gli architetti della nostra casa, non è proprio inserito nel progetto a prescidere. Mi domando quale architetto non inserirebbe il tetto in un progetto edilizio.

Ne leggiamo una parte di questo profilo che, se fosse una persona, ormai voterebbe e guiderebbe l'auto da 5 anni, che probabilmente si sarebbe già laureato, che forse già lavorerebbe, che magari avrebbe già un figlio? (Continua cliccando qui sotto)

 

L’infermiere identifica i bisogni di assistenza infermieristica della persona e della collettività e formula i relativi obiettivi;

Lo facciamo? Lo pretendiamo? Lo sappiamo fare?

Pianifica, gestisce e valuta l’intervento assistenziale infermieristico;

Lo facciamo? Lo pretendiamo? Lo sappiamo fare?

Per l’espletamento delle funzioni si avvale ove necessario, dell’opera del personale di supporto;

Lo facciamo? Lo pretendiamo? Lo sappiamo fare?

Concorre direttamente all’aggiornamento relativo al proprio profilo professionale e alla ricerca

Direttamente eh. Non aspetta che qualcuno lo obblighi. Lo facciamo? Lo sappiamo fare?

Questi quattro passaggi. Questi quattro. Applicati alla lettera. Da tutti. E pretenderli. E volerli. E non contrastarli! per far sì che....

"L’assistenza infermieristica sia preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa, sia di natura tecnica, relazionale, educativa. Le principali funzioni siano la prevenzione delle malattie, l’assistenza dei malati e dei disabili di tutte le età e l’educazione sanitaria."

 
Abbiamo fatto tanto, Abbiamo da fare tantissimo ma forse ancora oggi dobbiamo ripartire dalle norme portanti che ci descrivono e capire se sono ancora valide e, se sì, quali sono i motivi della loro non applicazione, della loro non identificazione nella pratica clinica quotidiana . Farlo con onestà intellettuale, con unione, condivisione, stilando strategie e obiettivi comuni, con senso della realtà. Poco potere e pochi soldi già ci stanno frammentando troppo per i miei gusti. Poltrone di metallo irte di spine le agogniamo come fossero scranni di velluto e ci facciamo tentare troppo spesso da percorsi che ci fanno perdere identità. E intanto ci piove in casa.
 
Nicola Draoli
 

 

 

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

castorina home

Epatite C - Diritto alla cura

logoSI

logo innovare per migliorarsi

Logo salviamo SSN sito 200

Questione inf.ca in Toscana

Manifesto IPASVI Toscana SI e NO

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

s4be logo

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Infermieri Informa

senza infermieri new