Questo sito web utilizza i cookie, anche di terze parti, per migliorare la navigazione. Utilizzando il sito si intende accettata la Cookie Policy.

tribunaleIn breve. La madre non vuole tagliare il cordone ombelicale per seguire una pratica pericolosa e non scientifica chiamata "Lothus Birth". Il figlio è a rischio di morire. I medici chiamano la Procura per sapere come comportarsi. La Procura ovviamente intima di procedere per salvare la vita al bambino.

Una storia che ci dimostra l'assurdità che la medicina difensiva oggi manifesta. L'operatore sanitario agisce anche in stato di necessità su tutela della vita del suo assistito. La risposta del Procuratore è infatti spiazzante: "la mission è salvare vite...evitare le denuncie è impossibile ma qualora arrivasse archivieremo. Se al contrario il neonato fosse morto in assenza di intervento, in quel caso sì che avremmo aperto un fascicolo di indagine." Inquieta quindi che si debba aver così paura di intervenire per salvare vite, quando l'intervento appare contrastante con volontà soggettive irricevibili e per lo più su una terza persona (in questo caso il figlio), e richiedere il supporto della Procura come se questa ci deresponsabilizzasse. Il tema poi tratta i rapporti fiduciari incrinati e l'atteggiamento ostile verso la medicina ufficiale. L'argomento è complesso ma questa vicenda è particolarmente significativa per molte riflessioni.

Link alla notizia: http://www.repubblica.it/cronaca/2017/09/17/news/friuli_partorisce_e_rifiuta_il_taglio_del_cordone_medici_dell_ospedale_chiamano_la_procura-175727227/

banner amministrazione trasparente

Cerca nel Sito

Iscrizione Newsletter

Accesso portale

castorina home

Epatite C - Diritto alla cura

logoSI

logo innovare per migliorarsi

Logo salviamo SSN sito 200

Questione inf.ca in Toscana

Manifesto IPASVI Toscana SI e NO

Pratiche Inappropriate

slow medicine

Tesi di Laurea

tesi

s4be logo

Anagrafe e Formazione "Badanti"

badante

Infermieri Informa